PRESENTAZIONE DEL LIBRO “OLTRE I CENTO PASSI” DI GIOVANNI IMPASTATO

Ieri pomeriggio, l’aula conferenze dell’Istituto Apicella, gremita di insegnanti e alunni delle quinte, ha accolto Giovanni Impastato, autore del libro Oltre i cento passi e fratello minore di Peppino Impastato, ucciso a Cinisi dalla mafia nella notte tra l’8 e il 9 maggio del 1978.

L’incontro è giunto come traguardo speciale di un’attività didattica “Percorsi cinematografici di cittadinanza attiva” che ha contemplato nelle proposte cinematografiche anche la visione del film Cento passi.

Durante la conferenza, l’autore ha parlato di tutte le iniziative e attività di Casa Memoria, un centro di studi impegnato nella sensibilizzazione e nel  contrasto alla criminalità organizzata.

Con lodevole sincerità e umiltà ha raccontato il conflitto di chi, come lui, ha vissuto la mafia e l’antimafia fra le mura domestiche e la successiva battaglia nel nome della legalità e della verità.

La sua testimonianza ha fatto rivivere il pensiero e le azioni del fratello Peppino, catalizzando l’attenzione degli studenti che hanno interagito con l’autore per tutta la durata dell’incontro con incalzanti domande.

Un plauso va a Giovanni Impastato che con un eloquio semplice e appassionato ha spronato la platea, che vive in un contesto storico alquanto diverso ma altrettanto problematico, a prendere il testimone di Peppino Impastato nella denuncia di atti criminali.

La sua esperienza familiare ha acceso nei presenti consapevolezze nuove. 

E’ possibile andare “oltre i cento passi”, non rimanendo  inermi e indifferenti dinanzi alle ingiustizie e all’illegalità.

Rimane  attuale la lezione di Peppino: “Combatti la mafia di casa tua…e mettici il cuore”.

OLTRE I CENTO PASSI